Recensioni Roberts, Scott, Ashton e Crusie: Marzo 2018

TORBIDE PASSIONI DI NORA ROBERTS

Data pubblicazione: 7 Febbraio 2018
Titolo originale: Come sundown (2017)
Serie: titolo auto conclusivo
Editore: Leggereditore
Genere: romantic suspense
Ambientazione: Montana, Stati Uniti, oggi
Livello di sensualità: basso
Lunghezza: 448 pagine
Prezzo: ebook € 4,99 cartaceo € 15,30

Sinossi:
Bodine Longbow da sempre adora alzarsi alle prime luci del mattino. Direttrice di un meraviglioso resort di famiglia nel Montana, è assorbita da mille impegni lavorativi e non ha certo tempo per pensare all’amore… almeno fino a quando non incontra Callen Skinner. Appena tornato in città, Callen è una sua vecchia fiamma dei tempi della scuola e ora, uomo maturo e affascinante, potrebbe forse farle cambiare idea sulle relazioni sentimentali. Quando però il cadavere di una giovane donna viene ritrovato all’interno del resort e Callen finisce nella lista dei sospettati, tutto prende una piega inattesa. La tragedia che ha colpito la famiglia di Bodine la catapulta indietro nel tempo, fino alla misteriosa scomparsa di sua zia Alice avvenuta venticinque anni prima… E se tra questo evento e il cadavere rinvenuto nel resort ci fosse un collegamento? Le indagini procedono a ritmo serrato, e sebbene le accuse e gli indizi sembrino convergere proprio su Callen, Bodine decide di fidarsi ciecamente di lui e di stargli accanto. Ma per salvare il loro futuro insieme, prima che sia troppo tardi, i due amanti dovranno rincorrere con determinazione una verità che pare volergli sfuggire… 

Impressioni:
Libro nel complesso deludente, la sola parte che ha catturato la mia attenzione, che mi ha coinvolta veramente e anche commossa è la storia di Alice, la zia di Bodine, rapita a 21 anni da un suprematista bianco (figura che abbiamo imparato a conoscere da quando Trump è diventato presidente degli U.S.A.), uno di quelli che aderiscono ai vari gruppi paramilitari sparsi in America, convinto della superiorità della razza bianca, dell’uomo nei confronti della donna e della necessità di avere tanti figli per poterli addestrare alla prossima guerra contro i burocrati di Whashington. Questo folle (oltre che serial killer) tiene in schiavitù Alice per ben 26 anni, la distrugge fisicamente e psicologicamente con le ripetute violenze, le fa fare 7 figli, 5 femmine che vengono subito vendute perchè considerate inutili e due maschi dei quali uno muore durante il parto. L’altro figlio le viene lasciato per un anno poi il padre lo allontana per poterlo indottrinare a sua immagine e somiglianza. Alice riesce a scappare per un puro colpo di fortuna e il suo ritorno alla vita è la parte in assoluto migliore del libro. Avrei voluto che la storia fosse incentrata principalmente su di lei, avrei voluto vedere come si sarebbe sviluppato il suo rapporto con il figlio pazzo come il padre dopo averlo ritrovato, avrei voluto sapere quante altre ragazze erano morte in quella fattoria degli orrori, che fine hanno fatto le cinque figlie che ha avuto e che le sono state sottratte ed invece anche l’epilogo lascia tutto in sospeso ed è deludente come il resto del libro. La protagonista, Bodine, è una delle più antipatiche figure femminili che abbia mai incontrato, è una donna in carriera, super sicura di sè, manca completamente di femminilità, dirige tutto e tutti e si considera indispensabile. Di contorno ci sono decine di personaggi secondari che fanno parte della sua famiglia o lavorano per lei ed è un continuo vortice caotico di nomi, mansioni, progetti per il resort, feste da organizzare e quant’altro. Ci sono capitoli su capitoli di descrizioni noiose riguardo l’attività di famiglia, il bestiame e i cavalli perciò sia la parte suspense che quella romance sono relegate a qualche pagina qua e là. In tutto questo caos la Roberts ha inserito un paio di omicidi tanto perchè è un giallo/rosa perciò qualcuno deve morire ma l’indagine è praticamente inesistente. Ha anche aggiunto un vice sceriffo bullo così da giustificare una scazzottata in pieno stile western e un paio di coppie secondarie, una con più visibilità dell’altra, tanto per allungare ulteriormente il tutto (ben 448 pagine quando ne sarebbero bastate 300). Callen, il cowboy che farà coppia con Budine, è un bel personaggio ma il suo spazio è minimo ed è un vero peccato perchè non gli è mai stata data la possibilità di dimostrare il suo reale valore, Bodine è sempre al centro di tutto e da lì non si scappa. Il romanticismo tra i due è misero, lei mi ha trasmesso solamente freddezza, è solo brava a comandare e alla fine è lei che decide come proseguirà il percorso comune (non lo chiamo amore perchè non ci assomiglia per niente). Insomma, se il libro si fosse incentrato su Alice sarebbe stato meglio e lo avrei letto volentieri, così invece non finiva mai e sì che ho saltato tutte le lungaggini inutili riguardanti il resort e il ranch perchè proprio non ne potevo più. Della Roberts preferisco i libri più datati, negli ultimi lavori a mio avviso ha perso il tocco magico.

UN MILIARDARIO FUORI DAL COMUNE DI J.S. SCOTT

Data pubblicazione: 27 Febbraio 2018
Titolo originale: No ordinary billionaire (2015)
Serie: I Sinclair – Vol. 1
Editore: AmazonCrossing
Genere: romance contemporaneo con un po’ di BDSM e leggermente suspense
Ambientazione: Stati Uniti, oggi
Livello di sensualità: burning
Lunghezza: 266 pagine
Prezzo: ebook € 3,99 cartaceo € 9,99
Note: questa serie è collegata alla The Billionaire Obsession in quanto al volume 5,5 e 6 c’è la storia di Hope Sinclaire (sorella di Dante) e Jason Sutherland. I titoli, non disponibili in italiano, sono One night with a billionaire e Billionaire Unmasked.
Titoli della serie:
0,5) The billionaire’s Christmas (protagonisti Grady Sinclair e Emily Ashworth)
1) No ordinary billionaire (protagonisti Dante Sinclair e Sarah Baxter)
2) The forbidden billionaire (protagonisti Jared Sinclair e Mara Ross)
3) The billionaire’s touch (protagonisti Evan Sinclair e Miranda Tyler)
4) The billionaire’s voice (protagonisti Micah Sinclair e Tessa Sullivan)
5) Th billionaire takes all (protagonisti Julian Sinclair e Kristin Moore)
6) The billionaire’s secrets (protagonisti Xander Sinclair e Samantha)
7) Only a millionaire (protagonisti Liam Sullivan e Brooke)

Sinossi:
A Dante Sinclair, miliardario supersexy, non è mai importato granché del patrimonio di famiglia. Dante ha sempre voluto fare il poliziotto e oggi è diventato un eccellente detective della squadra Omicidi della polizia di Los Angeles. Sconvolto per la morte in servizio del partner e ferito lui stesso, si rifugia nella sua villa sul mare ad Amesport, nel Maine.
Sarah Baxter, giovane dottoressa dall’intelligenza eccezionale, è arrivata ad Amesport per sfuggire a un tragico evento. È lei a doversi occupare della convalescenza del fascinoso miliardario.
Il rapporto medico-paziente ha però vita breve, uno scambio di sguardi è sufficiente perché la passione divampi. Ma il passato di Sarah riemerge minaccioso dall’ombra e riprende a perseguitarla senza pietà.
Riuscirà Dante a superare il proprio dolore e a farsi strada nei segreti che lei custodisce, in tempo per proteggerla e metterla in salvo?

Impressioni:
Questo libro dalla storia inesistente è una scopiazzatura di svariati titoli riconducibili allo stesso genere letterario, c’è un po’ di 50 Sfumature, un po’ di Lora Leigh, un pizzico di Lisa Marie Rice e un po’ dei Confratelli della Ward, insomma un miscuglio banale di idee prese da altre autrici. La misera parte suspense non merita nemmeno una menzione, la parte romance è un’accozzaglia di sesso inframezzato da qualche dialogo, le riflessioni personali dei protagonisti sono da new adult e l’approfondimento caratteriale è quasi inesistente. Dante è un cavernicolo, manca solo la clava e qualche pugno sul petto in stile Tarzan mentre grida ai quattro venti il solito “Mia”. Che sia un miliardario viene ripetuto ogni tre per due per non parlare del finissimo termine “scopare” usato quasi in ogni frase. Sarah è una cervellona che analizza tutto in modo logico come Sheldon ma manca completamente della sua simpatia. E’ ingenua come una ragazzina ma nel giro di una notte, passata con il cavernicolo, si trasforma in una specie di ninfomane esperta in ogni equilibrismo sessuale. I personaggi secondari sono l’apoteosi del buonismo e del cameratismo con le solite amiche che la trasformano in una sexy bambolona grazie a vestitini striminziti. Non mi soffermo sul cattivo perchè è ridicolo e la storia nell’insieme è da dimenticare. Ma veramente ci meritiamo queste idiozie quando potremmo leggere i libri di Linda Howard, di J.D. Robb o della Krentz?

PERVERSE LOVE DI ESTER ASHTON

Data pubblicazione: 2013
Editore: autopubblicazione
Genere: romance erotico
Ambientazione: Stati Uniti, oggi
Lunghezza: 244 pagine
Livello di sensualità: estremo
Prezzo: ebook € 2,99

Sinossi:
Alexandra Wheeler è una scrittrice di talento ma la sua ascesa avviene quando decide di aggiungere un tocco di erotico nei suoi romanzi. Quello che i lettori non sanno è che tutto ciò che scrive sulla passione e sul desiderio è frutto della sua fantasia perché non ha provato mai nulla del genere. Non ha mai conosciuto un uomo che riuscisse a penetrare nel suo cuore, tanto da arrivare a pensare di essere una donna frigida. L’incontro con Chris Davemport, bellissimo e affascinante uomo, ex comandante dei marines e proprietario di un’agenzia di servizi di sicurezza, cambierà tutto. Perseguitata da uno stalker, Alexandra si affiderà della sua protezione e vivranno una notte d’intensa passione sfrenata. L’unica cosa che non sanno è che quella notte sarà fatale per entrambi. Travolta da quello che ha provato con l’unico uomo che è riuscito a farle battere forte il cuore, Alexandra decide di fargli una proposta allettante e gli chiede così d’insegnarle ogni aspetto del piacere. Tra colpi di scena e infuocate notti d’amore, un tragico evento li porterà davanti a un bivio indiscutibile.
Chris e Alexandra riusciranno a conquistare l’uno il cuore dell’altro?

Impressioni:
Ho letto qualche capitolo di questo libro e poi l’ho abbandonato senza nessun rimpianto. La storia nel suo insieme è ridicola, la narrazione priva di coinvolgimento emotivo, ma è quando ho letto che Alexandra, in un club, viene drogata con un miscuglio di erbe che danno eccitazione e, invece di chiamare un medico per farle qualcosa, Chris, un emerito sconosciuto, si occupa di soddisfarla tutta la notte, che mi sono cadute le braccia. Per me una situazione come questa si chiama violenza sessuale altro che soddisfare una povera donna perchè eccitata in modo doloroso e la scusa per fare tutto ciò che fanno è che, essendo Alex famosa, non la possono portare in ospedale in quelle condizioni, sai lo scandalo, come se i medici non facessero visite a domicilio. Ero a dir poco esterrefatta. Poi in generale hanno tutti il quoziente intellettivo di un microcefalo a partire dalla protagonista per continuare con la sua migliore amica e i manzi che si avvicendano, che dovrebbero essere delle guardie del corpo ma hanno una sola cosa in testa. Inqualificabile!

TEMPTATION DI JENNIFER CRUSIE

Data pubblicazione: Ottobre 2013
Titolo originale: Welcome to Temptation (1996)
Serie: Dempseys – Vol. 1
Editore: Leggereditore
Genere: romance contemporaneo
Ambientazione: Temptation, Ohio, Stati Uniti, oggi
Lunghezza: 439 pagine
Livello di sensualità: medio/alto
Prezzo: ebook € 3,99 Cartaceo € 7,48
Premi e riconoscimenti: All About Romance (AAR) Annual Reader Poll for Favorite Contemporary Romance & Honorable Mentions for Favorite Romance & Favorite Funny (2001), Romance Readers Anonymous (RRA) Award for Best Love & Laughter (2000)
Titoli della serie:
1) Temptation (Welcome to Temptation)
2) Faking It (inedito in italiano)

Sinossi:
Due sorelle e un’avventura memorabile. Cosa troveranno sul loro cammino? Il successo, l’amicizia o magari l’amore? Durante le riprese del documentario su un’attrice di Hollywood in declino, le sorelle Dempsey si imbattono in una serie di situazioni rocambolesche ed esilaranti, che le porteranno a conoscere aspetti della vita che prima non avrebbero mai creduto possibili. Esiste davvero un uomo in grado di farti provare sensazioni simili? Basta davvero così poco per essere felici? Le due non canteranno vittoria tanto facilmente, perché a Temptation, la cittadina nella quale sono capitate, nulla è scontato, e tutto si conquista vivendo con i battiti accelerati. Preparatevi a ridere fino alle lacrime, Jennifer Crusie è tornata, e vi travolgerà come un fiume in piena.

Impressioni:
La storia raccontata in questo libro non l’ho proprio capita, è un caos dall’inizio alla fine, si salta da un personaggio all’altro e da una situazione all’altra senza che venga seguito uno schema logico. Nei dialoghi vengono riportate delle battute tratte da svariati film che non conosco perciò non ne capivo il significato e non mi facevano ridere, si parla di cantanti e canzoni a me sconosciuti e anche qui sicuramente per le lettrici americane la cosa aveva un senso mentre per me no. Del biliardo conosco qualcosa perchè ci giocavo anni fa perciò fortunatamente in quei frangenti non cadevo dalle nuvole mentre la parte suspense non si capisce come venga risolta, ho avuto l’impressione che venga messo tutto a tacere ma potrei sbagliarmi perchè alla fine non ci capivo più niente. Tutto ciò che riguarda la coppia Sophie e Phin di romantico ha veramente poco, ho trovato la donna un po’ patetica nel suo sdilinquirsi per il ragazzone di provincia, ha orgoglio pari a zero ma in generale anche lei è abbastanza incomprensibile come tutto il resto, non sono riuscita a metterla a fuoco. Phin a tratti è un apatico mammone, talvolta è un uomo deciso e di carattere e in alcuni casi è un mezzo farabutto con le donne. Probabilmente l’intento era di far vedere una sua evoluzione personale e caratteriale ma anche qui la confusione impera. A mio avviso il problema con questo libro è la traduzione veramente mediocre, piena di errori grammaticali ma soprattutto chi ha tradotto non è riuscito a dare un senso logico alle frasi, alle situazioni e la scorrevolezza è completamente assente. Visto che il libro in inglese ha vinto svariati premi compreso quello come miglior romance divertente mentre io non ho riso per niente qualcosa che non è andato bene c’è stato sicuramente. Faccio presente che fa parte della Top 20 dei romance più apprezzati in America e ha sulle 30.000 recensioni su Goodreads con il 34% a 5 stelle. Forse merita una lettura in inglese come ho fatto per altri libri che avevo trovato deludenti in italiano. 

 

Last updated by at .

Se l'articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Your email address will not be published.