Yargo di Jacqueline Susann

Data pubblicazione: Gennaio 1979
Titolo originale: Yargo
Serie: titolo autoconclusivo
Genere: fantascienza
Editore: Sperling & Kupfer
Ambientazione: Terra + Yargo, anni ’70
Livello di sensualità: basso
Lunghezza: 318 pagine

Sinossi:
Rapita per errore da un UFO, la giovane Janet viene condotta sul pianeta Yargo, dove regnano sovrane pace e armonia.
Questo equilibrio perfetto è stato raggiunto bandendo qualsiasi forma di sentimento.
Tuttavia Janet si innamora proprio del re, Yargo, ritenuto una divinità dal suo popolo.
Intuendo la minaccia che la donna rappresenta per tutti, Yargo, che ne è rimasto profondamente colpito, decide di rimandarla sulla Terra, strappandole la promessa di non raccontare mai a nessuno la sua esperienza. 

Impressioni:
Io non sono una lettrice del genere fantascienza o Science Fiction però sono legatissima a questo libro che ho letto decine di volte da quando l’ho acquistato il lontano 15 Dicembre 1990 (eh sì, me lo sono segnata). Oramai le pagine sono ingiallite e si staccano però me lo tengo caro come una reliquia visto che è introvabile come tutti i libri di questa autrice a mio avviso veramente valida sia per la sua capacità narrativa che per la sua sensibilità. Perchè mi è piaciuto così tanto, quasi da impararlo a memoria? Perchè mi sono identificata con la protagonista, una donna normale che si trova catapultata per errore in un’avventura fantastica su un’altro pianeta dove vivono alieni bellissimi e incredibilmente freddi e lei viene vista come un nemico, un essere inferiore, nessuno prova il minimo di empatia nei suoi confronti perciò dovrà combattere con le poche armi che ha per riuscire a salvarsi e tornare a casa. Ma è questo ciò che vuole? Ciò che si è lasciata alle spalle era veramente così importante? Ma soprattutto ciò che le è successo era reale o solo frutto di un’amnesia? Difficile dare una risposta, ognuno alla fine può interpretare come vuole i fatti in base alla sua sensibilità, se si è più o meno romantici. Io ovviamente mi sono sempre immaginata Janet su un pianeta lontano e bellissimo, tra le braccia del suo Yargo però il mio livello di romanticismo è mooolto alto. Magari trovassi altri libri simili e dello stesso genere letterario in italiano!

Autrice:
Jacqueline Susann, nata a Filadelfia il 20 agosto 1918 e morta a New York il 21 settembre 1974, è stata una scrittrice e attrice statunitense.
La sua opera di maggior successo è La valle delle bambole, dalla quale sono stati tratti anche un film e una serie televisiva.

Opere di Jacqueline Susann

  • Every Night, Josephine! (1963)
  • La valle delle bambole (Valley of the Dolls) (1966)
  • La macchina dell’amore (The Love Machine) (1969)
  • Una volta non basta (Once Is Not Enough) (1973)
  • Dolores (Dolores) (1976)
  • Yargo (Yargo) (1979) Pubblicazione postuma

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Last updated by at .

Se l'articolo ti piace condividilo

11 comments

Skip to comment form

    • Sonica on 24/01/2018 at 16:51
    • Reply

    Fuori catalogo oramai da tempo immemore. Ce l’ho anch’io e, come te, lo amo moltissimo. Me lo tengo ben stretto!

    1. E’ veramente strano che i libri di questa autrice siano introvabili, ho controllato anche in biblioteca (nella mia città sono tutte collegate in rete) e ho trovato solo un titolo, su comprovendolibri ce ne sono tre di numero. Mi fa piacere che siamo in due estimatrici…vuol dire che abbiamo buoni gusti…hahaha

    • Simona on 24/01/2018 at 18:28
    • Reply

    Che bei ricordi Alessandra! Da grande amante della fantascienza e dei romance anche io mi innamorai di questo bel libro 🙂

    1. Visto che ami la fantascienza magari ci puoi consigliare qualche libro. Ne ho letto qualcuno della Bujold ma ce ne sono troppi e dopo un po’ mi sono stufata. Mi è piaciuto anche “L’amante del guerriero” della Lindsey (letto svariate volte anche quello) perchè univa fantascienza e romance mentre i due successivi li ho trovati penosi (la Lindsey non mi ha mai convinta). Se hai qualche dritta…

        • Simona on 25/01/2018 at 14:13
        • Reply

        Considera che ho 63 anni e leggo fantascienza e fantasy da quando ne avevo 18…
        In questo genere letterario è basilare capire il filone che piace; per intenderci è rarissimo trovare del romance in un libro di fantascienza.
        Mi viene in mente un bellissimo romanzo fantasy con anche una bella storia contrastata di odio che piano piano si trasforma…
        Comunque c’è il genere viaggi stellari, il sociale, l’ecologista, il distopico e via dicendo.
        Fammi sapere con cosa vorresti iniziare.
        P:S: L’amante del guerriero non è che mi sia molto piaciuto, preferisco la Lindsey in altri romanzi.

        1. Dacci pure qualche titolo penso interessi ad altri oltre me e poi ognuno agirà come vuole. Io di fantascienza so veramente pochissimo, di distopico ho visto hunger games però non sono una grande estimatrice del genere. Il bellissimo romanzo fantasy con storia contrastata mi ha incuriosita…

            • Simona on 25/01/2018 at 15:22

            Il titolo è “La spada di Rhiannon” di Leigh Brackett, e questa è la trama:Matt Carse, archeologo, è uno dei pochissimi terrestri che vivono nelle città proibite che sorgono sul Canale-lnferiore, su Marte, un mondo morente che conserva il ricordo orgoglioso di epoche migliori, di misteriosi segreti. Cosi i primi astronauti terrestri hanno trovato l’antico pianeta… rovine e polvere, città deserte o abbandonate, rifugi sotterranei, e popolazioni antichissime, rimaste orgogliose e ribelli come ai tempi della passata grandezza. Ma non tutto il passato di Marte è dimenticato: esistono infatti leggende che, come ogni leggenda, possiedono un fondo di verità. La più antica e le più temuta parla di Rhiannon, il Maledetto, un antico semidio di una razza cosi progredita scientificamente da acquistare dimensioni divine agli occhi degli abitanti di Marte; un milione di anni fa. Rhiannon, dice la leggenda, fu bandito dai suoi fratelli, e il suo nome fu maledetto su Marte, perché egli svelò i segreti della sua scienza suprema ai Dhuviani, gli abitanti della oscura rupe di Caer Dhu, creature non di ceppo umano, ma derivate dalla gelida stirpe dei rettili. In qualche luogo sconosciuto di Marte deve trovarsi ancora la tomba nella quale Rhiannon dorme il suo sonno millenario… e Matt Carse, l’archeologo della Terra, trova quell’antica tomba… e scopre di trovarsi in una strana distorsione dello spazio e del tempo, che lo trasporterà nel remotissimo passato. Un milione di anni prima della storia, Matt Carse vedrà Marte come nessun terrestre lo ha mai visto… con i suoi strani popoli, dagli Alati ai Re del Mare, dai Sark ai Dhuviani e ai Sapienti… e si accorgerà che qualcosa di più antico e misterioso del tempo si e nascosto nelle profondità della sua mente, condannandolo senza speranza… anche se una tenue luce di salvezza potrà venirgli dalla mitica spada del leggendario semidio al quale il suo nome diventa indissolubilmente legato!…

            Chiaramente non c’è nessun accenno alla trama romantica, visto che l’accento è soprattutto sull’aspetto fantascientifico, ma ti assicuro che è un bellissimo libro di un’autrice fantastica.
            Ora comunque controllo la mia biblioteca e vedo anche altro 😉

    • Malvinagatta on 29/01/2018 at 10:25
    • Reply

    Anche io sono un’estimatrice della Susann, li avevo letti da giovane e ho cercato di reperirli tutti. Purtroppo YARGO non ce l’ho, o forse l’ho letto tempo fa e non me lo ricordo.
    A proposito di libri vecchi, ma sempre bellissimi, metto in primo piano quelli di Taylor Caldwell, e in primis IL SAPORE DELL’ODIO, edito nel ’68. E’ un libro che rileggo una volta all’anno, insieme a quelli della McNaught, che amo tantissimo.
    Seguo sempre il tuo blog, Alessandra, e ti ringrazio per le recensioni, sempre molto precise e piacevolissime da leggere. Mi rammarico con le della scarsità di buoni romance storici, i preferiti per me, e mi rileggo le autrici sempre amate.

    1. Ciao, se ti piace la Susan Yargo lo devi assolutamente leggere, lo trovi in biblioteca così non spendi nulla. Non conosco Taylor Caldwell, ho cercato il sapore dell’odio e l’ho trovato in biblioteca però da nessuna parte c’è una trama. Di cosa parla?
      Grazie per i complimenti, sono sempre graditissimi!

    • Malvinagatta on 29/01/2018 at 19:32
    • Reply

    Ciao, la trama del IL SAPORE DELL’ODIO si incentra sulla figura di Jonathan Ferrier, un medico che cerca di migliorare la vita dei suoi concittadini, praticando la medicina con i mezzi più moderni. La storia è ambientata negli Stati Uniti, nel primo Novecento. Il personaggio principale è indimenticabile, e le sue vicende e i suoi tormenti rimangono impressi. C’è anche una storia d’amore, che si svela piano piano. Non ti dico altro per lasciarti il piacere della lettura. Telo consiglio caldamente. ti darà belle emozioni.
    L’autrice, Taylor Caldwell, ha scritto parecchi libri, con personaggi formidabili e storie sempre tormentate e sofferte. Nei suoi ultimi libri la tematica religiosa si fa preponderante, mentre nella produzione precedente i temi erano più legati alle vicende umane. E’ una scrittrice “antica”, come piace a me, con belle storie molto lunghe.
    Buona lettura!

    1. Grazie per la dritta, lo metto in lista.
      Buona giornata
      Ale

Lascia un commento

Your email address will not be published.