Ago 16 2014

Maggie Osborne – Western Historical Romance

maggie-osborne-0Ho appena finito di leggere il mio primo libro di Maggie Osborne e mi sono precipitata subito a raccogliere informazioni su questa brava e audace autrice. Devo ammettere che, anche se ho visto decine di film western e non abbia mai perso una puntata di “Alla conquista del west” (avevo una cotta spaventosa per Luke Macahan) e di “La signora del west” raramente ho letto romance storici western (non me ne viene in mente nessuno) così per curiosità ho preso “Rinascere all’amore” e l’ho praticamente divorato. L’ho trovato così ben scritto che mi sembrava di avere davanti agli occhi i fatti che si susseguivano, i paesaggi aridi, le difficoltà che avevano i coloni per sopravvivere nelle zone di frontiera, perfino il patibolo con i condannati in attesa di essere impiccati. Insomma proprio un bel libro, diverso dai soliti romance storici ambientati in Inghilterra, in questo gli uomini e le donne non hanno tempo per baciamano e ricevimenti, devono pensare a sopravvivere e a creare un futuro migliore per sè e per i loro figli. Nei prossimi giorni credo farò incetta di tutti i libri fin qui tradotti in italiano e intanto vi lascio con questo post a lei dedicato. Enjoy
Autrice di oltre quaranta romanzi storici e contemporanei, Maggie Osborne scrive anche con lo pseudonimo di Margaret St. George. Vincitrice di numerosi premi letterari, vive in una cittadina turistica fra le montagne del Colorado, con il marito e parecchi animali, tra cui un mulo, due cavalli e un cane, che le procurano parecchio lavoro ma che lei ama comunque.
Rinascere All’Amore
maggie-osborne-1Data pubblicazione: aprile 2013
Titolo originale: The wives of Bowie Stone (1994)
Collana: I Romanzi Mondadori Classic n. 1038
Serie: libro autoconclusivo
Genere: romance storico western
Ambientazione: America, Kansas e Wyoming, 1880 circa
Sensualità: warm
Prezzo e-book: € 2,99
Premi e riconoscimenti della critica: All About Romance DIK (Desert Isle Keeper)
Trama:
Rosie Mulvehey è in difficoltà: la sua fattoria sta fallendo e le serve al più presto un aiuto. Così decide di salvare un uomo destinato all’impiccagione, appellandosi alla legge del Kansas che consente di riscattare un condannato a morte sposandolo. L’uomo su cui cade la scelta è Bowie Stone, un ex soldato di cavalleria dai trascorsi misteriosi, che accetta di darle una mano ma solo per una stagione, deciso poi a tornare alla sua vita. Non ha però messo in conto il sentimento che, contro ogni aspettativa, è destinato a nascere tra loro scombussolando i suoi progetti…
Recensione: questo libro, a tratti crudo e spietato, altri romantico e sensuale ma comunque sempre appassionante racconta di una donna, Rosie, che ha subito delle violenze inaudite da parte del patrigno e che vive per vendicarsi di un morto visto che un banale incidente le ha impedito di ucciderlo come aveva progettato. Psicologicamente è instabile, danneggiata e per questo beve, fuma, è rissosa e finisce spesso in galera. Bowie è un uomo d’onore, un ufficiale che ha sempre combattuto per la sua nazione ma che viene congedato con disonore quando si rifiuta di uccidere donne e bambini indiani. Viene condannato a morte per aver ucciso, per legittima difesa,  l’uomo che lo lo voleva morto, dopo avere subito un processo farsa dove i testimoni hanno mentito. É sul patibolo quando Rosie lo salva sposandolo grazie ad una legge che permette ai condannati a morte di scamparla con il matrimonio (la carenza di uomini era un problema di quei tempi). Insomma, niente di romantico tra i due, un semplice accordo in cui lui lavora per Rosie e lei gli salva la vita. Solo che un po’ alla volta escono fuori tutti i traumi subiti da Rosie per mano del patrigno e, grazie a Bowie, la ragazza riuscirà finalmente a lasciarsi il passato alle spalle e ad iniziare a vivere per sè stessa. Contemporaneamente seguiamo la storia di Susan, la vera moglie di Bowie, una bambolina incapace di badare a sè stessa e costretta dagli eventi a rimboccarsi le maniche per poter sopravvivere. Insomma, due donne completamente diverse, una dura, sboccata, aggressiva e alcolizzata, l’altra debole, indifesa e perennemente impaurita ma entrambe capaci, grazie all’amore, di crearsi un futuro migliore in un ambiente inospitale ma pieno di promesse. Bowie è un uomo complicato, deluso dalla vita, che non riesce a credere di potersi riscattare dopo il disonore ma, grazie a Rosie, anche lui riuscirà ad imboccare la strada che porta alla felicità. Un romanzo aspro, talvolta disturbante ma incredibilmente appassionante nel suo essere così realisticamente vero.
Tutto Cambierà
maggie-osborne-2Data pubblicazione: luglio 2014
Titolo originale: Silver lining (2000)
Collana: I Romanzi Mondadori Classic n. 1084
Serie: libro autoconclusivo
Genere: romance storico western
Ambientazione: America, Colorado, 1860 circa
Sensualità: warm
Prezzo e-book: € 2,99
Trama:
Per Max McCord la vita cambia di colpo quando si ritrova sposato, suo malgrado, alla donna più trasandata e meno affascinante del mondo, Louise la “meschinella”. Come ricompensa per aver salvato lui e tanti altri cercatori d’oro dal vaiolo, Louise ha chiesto infatti di avere un figlio, però non desidera un marito. E dato che Max ha una fidanzata ad attenderlo, i due si accordano su un matrimonio temporaneo finché lei non resterà incinta. Ma quando Max porta a casa la sua sposa, tutto inizia a cambiare: le loro vite e i loro progetti vengono sovvertiti da un’unione che a poco a poco tocca i loro cuori, riempiendoli di una speranza sconosciuta…

 

Recensione: anche in questo libro la protagonista femminile è completamente diversa dalle solite damine dei romance storici. Louise “Low Down” è una donna che fin da piccola ha dovuto badare a sè stessa, è orfana, adottata da una famiglia di sfruttatori, non ha mai ricevuto affetto da nessuno, non sa cosa sia avere una famiglia che ti ama e vive cercando l’oro nei torrenti insieme a decine di uomini. È una donna abbruttita dalle condizioni di vita dure che ha sempre sopportato ma la cosa strana è che non si lamenta di nulla, accetta quello che viene perchè non sa che ci può essere di meglio. Dopo avere salvato gli uomini del campo dal vaiolo, come ricompensa chiede un figlio perchè vuole qualcuno da amare e così, visto che nessuno si offre volontario, viene estratto a sorte colui che se ne dovrà occupare e Max è il prescelto. Max è un uomo alla ricerca di sè che non aveva bisogno di trovare l’oro nei torrenti, ha un ranch, un lavoro in banca e una fidanzata che lo aspetta. Ovviamente tutto sfuma quando è costretto a sposare Louise e le cose peggiorano quando scopre che la bella fidanzata è incinta. Insomma abbiamo un uomo innamorato di un’altra e una donna che non è mai stata amata ma la Osborne riuscirà con perizia e maestria a far combinare tutte le caselle in modo che entrambi alla fine possano avere ciò che sognano cioè un futuro felice. Un accenno lo devo fare alla fidanzata di Max, una ragazza che sarebbe potuta risultare odiosa se non fosse che, confrontata con Louise, risulta solamente insignificante e non per l’aspetto fisico, visto che Louise non è bella nel senso classico del termine, ma perchè è una donnetta meschina ed inutile.
Lo Straniero
maggie-osborne-3Data pubblicazione: giugno 2013
Titolo originale: Prairie Moon (2002)
Collana: I Romanzi Mondadori Classic n. 1046
Serie: libro autoconclusivo
Genere: romance storico western
Ambientazione: America, Texas, 1875 circa
Sensualità: warm
Prezzo e-book: € 2,99
Premi e riconoscimenti della critica: Premio Reviewer’s Choice Award di Romantic Times nel 2002 per il Miglior Eroe (K.I.S.S. Hero); All About Romance DIK (Desert Isle Keeper)
Trama:
Dalla morte del marito, scomparso durante la Guerra di secessione, Della Ward conduce una vita stentata nel suo piccolo ranch in Texas. Il rimorso di una lettera che non avrebbe dovuto scrivergli la perseguita da dieci lunghi anni, avvelenandole l’esistenza e impedendole di costruirsi un futuro. Fino al giorno in cui, attraverso la prateria, arriva uno straniero a cavallo, la cui presenza risveglia un cuore troppo a lungo sopito. Ma James Cameron, uomo di legge che si trovava su quel fatale campo di battaglia, porta con sé una verità scomoda da confessare. Una verità che potrebbe distruggere le loro vite, oppure schiudere orizzonti del tutto impensabili…
Recensione: questo libro è diverso dagli altri che ho letto, è più drammatico e la narrazione è più concentrata sugli errori del passato commessi dai due protagonisti, sui rimorsi che li tormentano, sull’autocommiserazione e sulla rinuncia a vivere più che sulla speranza di un futuro migliore. Della, la protagonista femminile, mi è piaciuta meno rispetto a Louise, a Rosie e a Angie perchè è così convinta di essere una donna indegna da continuare a punirsi, è un personaggio cupo, manca di positività, si lascia vivere senza curarsi di ciò che le accade intorno mentre le protagoniste degli altri libri erano tutte donne volitive, decise e di carattere. Il vero leader del libro è James, un pistolero dagli occhi di ghiaccio che ho visualizzato subito con l’aspetto di Clint Eastwood. James Cameron è un uomo oppresso dai sensi di colpa e dal rimorso per gli uomini che ha ucciso così decide di espiare assicurando alla giustizia i delinquenti e diventando una leggenda. Decide di aiutare Della a riunirsi alla figlia prima di confessarle di essere lui l’uomo che, durante la guerra di secessione, ha ucciso il marito. Intraprendono così un viaggio attraverso il Texas e altre nazioni per arrivare ad Atlanta; durante questa vicinanza forzata vengono a galla tutti i segreti, le sfumature di carattere e l’attrazione inevitabile che li unisce. James ama Della da dieci anni ma sa che non c’è futuro per loro perchè, quando lei scoprirà ciò che ha fatto al marito, non potrà fare altro che odiarlo. James è un uomo d’onore, che ha dedicato la vita alla legge, è pieno di passione ma esibisce una facciata fredda per non dire gelida e pericolosa, è affidabile e si prende cura di coloro a cui tiene ed è un uomo che quando ama lo fa per sempre. È un eroe romantico e allo stesso tormentato di quelli che mi piacciono così tanto. Il colpo di scena finale sulla figlia di Della non l’avevo previsto e l’idea elaborata da James per poter stare insieme l’ho trovata un po’ stiracchiata ma nel complesso il libro è bello, mai noioso o scontato e a tratti commovente.
Matrimonio Per Tre
maggie-osborne-4Data pubblicazione: agosto 2010
Titolo originale: I Do, I Do, I Do (2000)
Collana: I Romanzi Mondadori Classic n. 920
Serie: libro autoconclusivo
Genere: romance storico western
Ambientazione: America, Alaska, 1890 circa
Sensualità: warm
Prezzo e-book: € 2,99
Premi e riconoscimenti della critica: All About Romance DIK (Desert Isle Keeper); Romance Reader Five Hearts
Trama:
“Vuoi tu, Jean Jacques Villette, prendere la qui presente Zoe Wilder come tua legittima sposa?” Naturalmente sì. Lui è bellissimo e sembra amarla molto. Peccato che in realtà sia già sposato con Juliette March, e anche con Clara Klaus. Questo è ciò che scoprono le tre mogli, poco dopo le ultime nozze, quando l’affascinante sposo si è ormai dileguato con i loro soldi, forse in Alaska. Animate da propositi battaglieri, le tre donne non perdono tempo, ma lungo il viaggio le cose precipitano, specialmente per quei tre gentiluomini che hanno incontrato sulla strada…
Volpe di fuoco
maggie-osborne-5Anno pubblicazione: 2007
Titolo originale: Foxfire bride (2004)
Collana: I Romanzi Mondadori Classic n. 757
Serie: libro autoconclusivo
Genere: romance storico western
Ambientazione: America, Colorato, fine 1800
Sensualità: warm
Disponibilità: usato
Trama:
Matthew Tanner ha un solo modo per salvare la vita del padre: portare una grossa somma di denaro a Denver attraverso le Montagne Rocciose. E per riuscirci ha bisogno di Fox, la migliore guida della zona. La ragazza accetta l’incarico, ma con un secondo fine: vendicarsi proprio del padre di Matthew. Nel loro viaggio, lungo e irto di pericoli, i due giovani si abbandonano alla passione. Ma basterà l’amore a fermare la vendetta?
Tornare ad amarsi
maggie-osborne-6Anno pubblicazione: 2005
Titolo originale: The bride of Willow Creek (2001)
Collana: I Romanzi Mondadori Classic n. 679
Serie: libro autoconclusivo
Genere: romance storico western
Ambientazione: America, Colorado, fine 1800
Sensualità: warm
Disponibilità: usato
Trama:
Dopo essersi sposati e subito separati, Sam Holland e Angie Bartoli si incontrano nuovamente a Willow Creek, cittadina mineraria in Colorado. Sono trascorsi dieci anni dal loro matrimonio: da quando Sam è stato costretto dal suocero a partire in cerca di fortuna e Angie si è sentita tradita e abbandonata. Lei ora vuole il divorzio, per poter sposare il ricco e affidabile Greg. Ma in un mondo povero e genuino, Sam e Angie scopriranno che a Willow Creek il vero tesoro sono gli affetti.
Recensione: ho letto questo libro d’un fiato e l’ho adorato. Innanzitutto lo consiglio a chi piacciono i libri di Kathleen E. Woodiwiss perchè è molto articolato, i fatti si succedono uno dopo l’altro a buon ritmo, non ci sono pause di riflessione, non ci si annoia mai e i due protagonisti sono entrambi di primo livello. Angie è fantastica, è una donna sicura di sè, che si rimbocca le maniche ed affronta tutte le difficoltà senza cedere di fronte alle sventure. Le scappa qualche lacrima verso la fine ma poi, grazie al suo orgoglio smisurato e al suo temperamento focoso (è mezza italiana), si riprende in fretta e fa vedere i sorci verdi al marito. Sam l’avrei preso a calci in più di un’occasione per il suo stupido orgoglio che risulta spesso incomprensibile ma allo stesso tempo è un uomo talmente affascinante che alla fine si passa sopra ai suoi difetti. Avrei voluto che si fosse più approfondita la parte in cui viene raccontato il matrimonio dei due quando lei aveva sedici anni e lui diciotto, se non erro, non si capisce bene come siano giunti alla decisione di sposarsi visto che si sono a malapena baciati e avrei voluto capire se Sam aveva amato veramente Laura o se provava solo affetto per lei. L’epilogo finale mi ha un po’ delusa, sapere che dopo trent’anni di matrimonio non hanno avuto figli loro mi è un po’ spiaciuto perchè mi sono veramente affezionata a questa fantastica coppia comunque avevano Lucy e Daisy, le figlie di Laura adottate da Sam, però sapere che oltre al raggiunto benessere economico fossero circondati da una famiglia numerosa, l’avrei apprezzato. Nel complesso il libro è appassionante e romantico, è a tratti drammatico e altri sensuale, la tensione tra i due protagonisti è descritta benissimo così come le condizioni di vita in una città mineraria di fine ‘800.   
Matrimonio di fuoco
maggie-osborne-7Anno pubblicazione: 2008
Titolo originale: Shotgun wedding (2003)
Collana: I Romanzi Mondadori Classic n. 796
Serie: libro autoconclusivo
Genere: romance storico western
AmbientazioneAmerica, Kansas, fine 1800
Sensualità: warm
Disponibilità: usato
Trama:
Quanti vantaggi nelle riunioni dell’associazione “La Nuova donna moderna”! Per Annie Malloy il più notevole è incontrare segretamente Bodie, noto fuorilegge e suo amante. Ma quando la ragazza scopre di essere incinta le cose precipitano: il bandito è pronto a sposarla ma non ha alcuna intenzione di rigare dritto. E Jess, giovane sceriffo della città da sempre innamorato di Annie, non esita a farsi avanti. Difficile scelta, visto che di mezzo c’è un revolver…
Impressioni:
Il libro è ben scritto e in questo la Osborne non delude mai. Non mi ha entusiasmato semplicemente perchè Annie, la protagonista femminile, è odiosa, viziata e codarda come poche. Ha venticinque anni perciò non è una ragazzina, vive con i genitori molto benestanti e non fa niente tutto il giorno, ha deciso che non vuole sposarsi però vuole fare qualche esperimento con il sesso, tanto lei è una Nuova Donna Moderna e può gestire questo tipo di relazioni inoltre sa contare e non è possibile che possa rimanere incinta vero? Ed invece succede e la nostra Nuova Donna Moderna si rivela una donnetta senza spina dorsale, incapace di affrontare le proprie responsabilità, con una propensione a mentire (sia agli altri che a se stessa) e nel complesso estremamente antipatica. Insomma niente a che vedere con le donne forti e coraggiose alle quali la Osborne mi aveva abituata nei libri che avevo letto in precedenza. Jess invece è un bel personaggio, il classico sceriffo tutto d’un pezzo e con la testa sulle spalle, buono e comprensivo all’eccesso nei confronti della viziata e infantile Annie. E che dire di Ione, la madre di Jess? Lei sì che è la vera Nuova Donna Moderna altro che la patetica Annie. Anche Bodie mi piaceva nonostante fosse un rapinatore, il fatto di non riuscire a comprendere Annie ma di considerarla ugualmente sua è comprensibile, peccato per i rovesci di fortuna che l’hanno portato dritto verso una parabola discendente e ad una conclusione triste ma scontata. Alla fine è lui il personaggio tragico della storia, non l’ho percepito come il vero cattivo ma come una vittima della situazione e di scelte sbagliate (una delle quali avere iniziato una relazione con Annie). Per concludere ho sempre detestato le damine tutte perfettine e convinte di avere la risposta giusta per ogni cosa e, dopo avere letto di Annie, continuo a detestarle.
Magia alle Antille
maggie-osborne-8Anno pubblicazione: 1985
Titolo originale: Rage to love (1983)
Collana: I Romanzi Mondadori
Genere: romance storico
Ambientazione: Port-Au-Prince – Santo Domingo – Caraibi, 1780
Sensualità: sottile
Trama:
La bella Garnet dai capelli di fiamma è stata allevata a Boston con rigida moralità, e quando arriva all’assolata isola francese dove dovrà prendere possesso di un’eredità, rimane sorpresa e sconvolta dalla languida opulenza del clima e delle abitudini non solo dei locali, ma anche della ricca borghesia che risiede sul posto. E, soprattutto, resta come ipnotizzata dall’irruento Jean Belaine, un uomo eccezionale, che potrebbe avere qualunque donna, ma vuole lei…
Impressioni:
Ricordo che leggevo questi libri durante l’adolescenza e principalmente nel periodo in cui ero costretta a letto con un’ingessatura perciò avevo molto tempo da riempire. Allora mi piacevano queste storie piene di intrighi, personaggi malvagi, battaglie, eroine fin troppo spesso stupidamente orgogliose alle quali ne succedevano di tutti i colori ed eroi scanzonati e coraggiosi sempre al posto giusto per trarre in salvo la donna amata però adesso i miei gusti sono molto cambiati e sinceramente questi libri, indubbiamente datati, non incontrano più le mie esigenze in fatto di lettura. L’ho letto a salti perchè mi annoiava e per delle situazioni assurde che mi facevano alzare gli occhi al cielo per l’esasperazione (ad esempio quando Garnet perde la verginità senza praticamente accorgersene!!!). La ragazza ha un modo di fare il più delle volte esasperante, Jean è sicuramente meglio tratteggiato di lei ma sono i personaggi secondari che ad un certo punto diventano di troppo prendendo molto spazio alla storia d’amore con tutti gli intrighi, le scenate piene di odio e rancore, i riti voodoo e la violenza con di contorno avvenimenti storici relativi alla rivolta degli schiavi per non parlare della cosa che più detesto in un libro e cioè i segreti e le omissioni tirati troppo per le lunghe. Se ci fosse stata un po’ più di passione tra Garnet e Jean con qualche bella scena di sesso gli avrei dato tre stelle ma così impostato l’ho trovato inutilmente lungo, prolisso, melodrammatico e purtroppo noioso. Niente a che vedere con i libri della Osborne degli anni successivi ambientati nel Far West che adoro.

 

Last updated by at .

Se l'articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Your email address will not be published.