Gen 09 2018

Gennaio 2018: alcune recensioni romance

LADY PER SEMPRE DI SARAH MACLEAN

Data pubblicazione: 6 Gennaio 2018
Titolo originale: never judge a lady by her cover (2014)
Serie: Rules of Scoundrels Vol. 4
Collana I Romanzi Mondadori Classic n° 1159
Genere: romance storico
Ambientazione: Londra, Inghilterra, 1831
Livello di sensualità: warm
Prezzo: ebook € 3,99
Lunghezza: 376 pagine

Sinossi
Lady Georgiana Pearson ha inseguito giovanissima un sogno d’amore presto tramontato, che però le ha lasciato l’adorata figlioletta Caroline. Da allora Georgiana, affrancata dalle illusioni della passione, ha costruito nell’ombra un’esistenza molto particolare, il cui segreto è gelosamente custodito. Ma per il bene di Caroline, Georgiana si vedrà costretta ad affrontare ancora una volta il disprezzato ton per procurarsi un marito di facciata. E Duncan West, il famigerato direttore del foglio scandalistico che l’ha messa in quella delicata situazione, sembra avere una proposta per farle raggiungere il suo obiettivo… 

Impressioni:
Raramente mi è capitato di leggere un libro così noioso, prolisso, irrealistico e ripetitivo. Fin dall’inizio il concetto che Georgiana nelle vesti di Chase è il personaggio, più potente, influente e pericoloso d’Inghilterra viene ripetuto ogni due pagine circa. Allo stesso modo il concetto che Georgiana nelle vesti di Anna, la prostituta irraggiungibile, è la regina delle notti di Londra, la più bella e disinibita di tutte, la più desiderata oltre che la dea delle case da gioco è altrettanto sbandierato ogni tre per due fino ad uscire dalle orecchie. Lo avevamo capito dopo le prime quattro volte che questi due sono irraggiungibili ai comuni mortali, non serviva infierire di continuo con le stesse identiche frasi, con gli stessi identici discorsi o riflessioni. Georgiana, nel ruolo di se stessa, non è da meno visto che ci tormenta dall’inizio alla fine con il fatto che deve trovare un marito nobile così da garantire la futura felicità alla figlia illegittima. Speravo perlomeno ci fosse di base una bella storia d’amore ed invece lei e Duncan sono due figure che più tragiche non si può, i dialoghi tra di loro sono spesso criptici con lei che ripete ciò che dice lui per non dare delle risposte esaurienti facendo la figura di quella che non capisce ciò che le viene detto. È tutto un tira e molla che non porta da nessuna parte, Georgiana vive ammantata nel suo riserbo anche quando sarebbe il caso di essere chiara e diretta, come un’eroina drammatica è disposta ad immolarsi per salvare il suo unico amore però non a sposarlo. Duncan, essendo un giornalista ed un editore di successo, è ottuso come pochi, tutti i fatti (pochi a dire la verità) che si susseguono e i dialoghi sono degni di una telenovella. La lettura ad un certo punto si è fatta così pesante per me che ho iniziato a saltare pagine di descrizioni e riflessioni personali per concentrarmi sui dialoghi e arrivare al più presto alla conclusione. Il finale poi è ridicolo, elaborato in modo da esaltare la superiorità dei soci dell’Angelo e di West rispetto al ton così disprezzato ma così ambito. Una vera delusione. Ultimo appunto lo faccio alla figlia di Georgiana di nove anni che imbastisce dialoghi e concetti degni di una donna navigata, una cosa a dir poco assurda. Insomma, di questo ultimo libro della serie non mi sento di salvare niente.  

VERSO LA BASE DI KATE STEWART

Data pubblicazione: 25 Settembre 2017
Titolo originale: Anything but Minor (2016)
Serie: Balls in play – Vol. 1
Editore: Triskell Edizioni
Genere: sport romance
Ambientazione: Charlestone, Stati Uniti, oggi
Livello di sensualità: hot
Lunghezza: 287 pagine
Prezzo: ebook € 3,74 Cartaceo € 10,98
Titoli della serie:
1) Verso la base (protagonisti Alice Boyd e Rafe Hembrey)
2) Major Love (protagonisti Andy e April)

Sinossi:
Alice Boyd si è trasferita a Charleston per diventare un’istruttrice di volo, pensando di trovarsi a vivere un’esperienza alla Top Gun, ma scoprirà molto presto che la realtà è ben diversa. 
Nonostante tutto, è determinata a fare di ogni giorno il migliore della sua vita, soprattutto dopo essere finalmente riuscita a sottrarsi al controllo della madre, un po’ troppo opprimente.
Vuole sperimentare tutto ciò che la nuova città ha da offrire, inclusa la squadra di baseball e il suo lanciatore di punta, Rafe Hembrey.
Rafe non è pronto per i sentimenti che Alice risveglia in lui. È ancora in attesa della convocazione nella Major League, e quella in corso dovrebbe essere la sua stagione decisiva. Eppure scopre che c’è qualcos’altro nella sua vita che può renderlo felice…

Impressioni:
Quando meno te lo aspetti ecco che ti ritrovi fra le mani un libro delizioso, pieno di umorismo, che si legge quasi da solo in quanto ti sembra di essere veramente dentro la storia. Non avevo mai trovato uno sport romance che si avvicinasse a quelli della SEP e questo, nonostante manchi di una certa profondità emotiva, non me l’ha fatta rimpiangere nemmeno un po’. Alice è una nerd, una pilota d’aerei che ha deciso di tentare la strada dell’insegnamento, è cresciuta con una madre super apprensiva perciò non si è mai goduta la vita, non conosce l’arte del flirt, non ha filtri, quando esprime un concetto o un’opinione è sincera e diretta e questo mette in fibrillazione quelli che la circondano, non abituati a questo atteggiamento. Rafe è un bel ragazzone, è simpatico, ha un sacco di ragazze ed è all’ultima chiamata per arrivare in Major League perciò non ha bisogno di distrazioni. È attratto da Alice ma non vuole niente di serio, la carriera è il suo punto fermo, non può permettersi di perdere il treno a causa di una donna o di sentimenti romantici. I presupposti possono risultare scontati però i dialoghi e le situazioni sono così brillanti da non accorgersene. Di contorno ci sono molti altri personaggi più o meno pittoreschi…non vedo l’ora di leggere la storia di Andy… Forse c’è un po’ troppo sesso per i miei gusti però è l’unico difetto che ho riscontrato. Assolutamente consigliato.

I PIRATI DEL LAGO DI MARIANGELA CAMOCARDI

Data pubblicazione: 1992 – 2016
Serie: titolo autoconclusivo
Editore: AmazonEncore
Genere: romance storico
Ambientazione: Milano, 1412
Livello di sensualità: warm
Lunghezza: 330 pagine
Prezzo: ebook € 3,99 Cartaceo € 9,99

Sinossi:
Milano, 1412. Cristiana è giovane, bella, sola e circondata da nemici, finché non incontra gli splendidi occhi azzurri del capitano di ventura Fabrizio. Lo fa quando tutto sembra perduto: il padre Jacopo è morto, il fratello Mattia è lontano e la madre Ippolita è succube del nuovo marito, Arrigo, che l’ha sposata solo per la sua ricchezza e sta cercando, aiutato dalla figlia Clarice, un modo per impadronirsi definitivamente delle fortune della famiglia.
Nel momento in cui Ippolita viene uccisa e la colpa ricade su Cristiana, il piano diabolico dei due sembra avere successo. È però solo l’inizio di una vicenda che ci trascinerà nel cuore della Milano dei Visconti, fra intrighi, congiure, tradimenti, ma anche amori inaspettati e bruciante desiderio. Perché ci sono incontri che non si possono evitare, e quello con Fabrizio sembra scritto nel destino: il suo è uno sguardo che scalda, rassicura, fa battere forte il cuore di Cristiana. Basterà – quello sguardo – a placare la sua sete di giustizia e di amore?

Impressioni:
Questo è il primo libro che ho letto di Mariangela Camocardi nel lontano 1992 e ne conservavo un ricordo piuttosto preciso così, in questi giorni di vacanza, ho pensato di rileggerlo per vedere se le impressioni che avevo avuto allora avrebbero avuto una riconferma. Ho ritrovato la maestria nella scrittura dell’autrice, l’accuratezza storica, un romanticismo d’altri tempi e una buona parte avventurosa. Si vede che è un libro “datato”, vent’anni fa, quando l’ho letto, preferivo dei protagonisti maschili più dominanti e delle protagoniste femminili più “deboli” e bisognose di essere salvate mentre adesso amo dei personaggi più moderni però rimane ugualmente una bella lettura che mi sento di consigliare.

 

Last updated by at .

Se l'articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Your email address will not be published.