Nov 10 2015

Betrayal di Robin C.

betrayal (Custom)Data pubblicazione: Marzo 2014
Serie: non serie
Editore: autopubblicazione
Genere: romance contemporaneo
Ambientazione: New York (Stati Uniti), oggi
Sensualità: estrema
Formato: ebook
Lunghezza: 162 pagine
Prezzo: € 0,99
Note: della stessa autrice ho letto Mathias, trovate la recensione QUI
Trama:
Andrew è un giovane medico affermato. Possiede tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare. Successo, avvenenza e l’amore sicuro di una donna. Quando la sua strada incrocia quella di Evalyn il suo universo viene improvvisamente capovolto. La sua anima divisa in due. Cede dunque alla tentazione del tradimento, spinto da un desiderio primitivo e dal risentimento per una giovinezza che crede di essersi negato. Entra in una spirale fatta di passione e rimorso, di sesso e sensi di colpa, che tenta di fermare senza successo. Testimone inconsapevole di questa corsa autodistruttiva è la moglie di lui, Alexandra, che lentamente, ma inesorabilmente, vede la propria vita cadere a pezzi, senza comprenderne la ragione. Quando verrà colpita dalla verità nella più crudele e dolorosa delle maniere, sarà in grado di perdonare? O da vittima innocente si trasformerà in impietoso carnefice?

Impressioni:
Betrayal è un racconto lucido e spietato sul tradimento coniugale perpetrato in modo consapevole e soffuso da un falso senso di rimorso. L’autrice riesce ad evidenziare la mancanza di valori e di umanità di Andrew, il suo tradire la moglie spinto dalla noia, dalla lussuria, dalla ricerca di qualcosa di cui si sente defraudato dopo dieci anni di matrimonio perfetto, dal suo volersi sentire potente e dominante. E’ l’apoteosi della mancanza di sentimenti, della vacuità dell’essere umano, del bisogno di soddisfare delle esigenze senza curarsi di chi si ferisce e della morte dell’amore inteso come un sentimento che richiede impegno, dedizione e anche sacrificio. Bellissimo il punto di vista di tutti e tre i personaggi coinvolti, l’autrice in poche pagine riesce a tratteggiare mirabilmente i loro caratteri senza perdersi in fronzoli. E bellissimo il finale pieno di speranza, quella speranza che nasce dalle ceneri dell’odio e dal desiderio di vendetta e che permette di guardare avanti. Avevo apprezzato Robin C. con “Mathias” e adesso non posso far altro che complimentarmi con lei per lo stile della scrittura, per la correttezza grammaticale e per la capacità di catturare il lettore.

 

Last updated by at .

Se l'articolo ti piace condividilo

Lascia un commento

Your email address will not be published.